Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.occhiapertiblog.it/home/wp-content/themes/writing/functions.php on line 99
"Il Don Giovanni. Vivere è un abuso, mai un diritto" di e con Filippo Timi - Teatro Argentina - Occhiaperti Blog

“Il Don Giovanni. Vivere è un abuso, mai un diritto” di e con Filippo Timi – Teatro Argentina

“Sono rimasti solo questi posti” mi dicono al botteghino, giorni fa, quando comprai i biglietti.

“Nel quarto ordine vedrò bene? Vada per questi” dico. Mi piacciono i balconcini del Teatro Argentina, perché sono come salottini, e posso guardarmi attorno, sgranocchiare cioccolata nelle parti meno avvincenti (mi prendo delle libertà che in platea non potrei permettermi). Questa è la volta de Il Don Giovanni” di e con Filippo Timi. L’ho visto diverse volte ma solo in tv, come dalla Bignardi per esempio idon giovanni 4n un’intervista, e mi sta simpaticissimo. Anche perché è un attore  balbuziente, che sembra una contraddizione, un po’  goffo e dall’aspetto matto.

 Avevo sentito dei buoni commenti allo spettacolo,  quindi prendo posto che sono davvero curiosa. Si   apre il sipario: in scena un materasso a forma di croce e tre corpi buttati a terra. Lui si alza, si droga, vuole suicidarsi. Per far capire come sarà il trend dello spettacolo, entra il servo Leporello vestito come una gallina, o una teiera; Don Giovanni si veste e urla “Voglio baciare una donna!” e si fionda in platea e ne bacia tre del pubblico (giù una selva di braccia alzate a gridare “ME! ME!”) e risa di tutti. Timi è un Don Giovanni eclettico, esagerato, strafatto. Penso che stile e linguaggio prendano molto dal film “Arancia meccanica” e che la concitazione delle scene sia pari allo spettacolo “Priscilla”.

Don Giovanni è un’anima in pena.  Personaggio  seicentesco rilanciato dall’opera   mozartiana e di   Moliere, è il donnaiolo per   antonomasia, ama  follemente le donne e le   vuole distruggere: ad   ogni conquista ne può   depennare una dal suo elenco. “Don Giovanni conosce la sua   fine, è solo   questione di rincorsa” dice Timi   nelle note   di   regia “E’ grande perché accetta   appieno le  conseguenze, inevitabili, dell’essere nient’altro che se stesso”. Nel suo amore c’è  soprattutto esaltazione e violenza (verso tutti, se  stesso in primis), e una sfida: possedere tutti i tipi di  femminilità. Nello spettacolo sedurrà le invasate Elvira  (la  donna fatale, l’amore lento e vero), Zerlina (la donna  angelica,don giovanni 5 l’improvvisazione, la seduzione), Donna Anna  (la  donna  rabbiosa e  vendicativa, l’amore calcolato).  Ognuno ci può  trovare  dentro la propria storia, oppure  no.

Questo “Don Giovanni” è scritto interamente da  Filippo Timi, che rivisita fortemente l’originale e sforna  una versione ultra contemporanea dal gusto  barocco. Il testo è totalmente sopra le righe, mescola  battute, canzoni di Celentano, videoclip. A un certo punto  Don Giovanni, per farsi perdonare dal servo, gli canta una  canzone della Sirenetta. La scenografia è audace e sacrale (il palco è costituito da una piattaforma luminosa, le quinte sono imbottite, lo sfondo sembra una prospettiva del Tiepolo). Capitano gabinetti, sedie a rotelle, flebo. Svettano per originalità i fantastici costumi (che solo loro valgono mezzo spettacolo), apoteosi di colori, accessori kitsch, gilet satinati e scarpe audacissime (Timi indosserà anche un vestito fatto con 600 fiori e uno confezionato con gli “scalpi” delle donne). Si ride, si ride tanto, perché gli attori entrano ed escono dai personaggi, scimmiottano i cliché delle tragedie, si divertono vistosamente improvvisando come cabarettisti. Per esempio Don Giovanni e Leporello devono scambiarsi i vestiti…ma qualcosa non è stato scritto: don giovanni 1 “Adesso spogliati” ordina Timi a un Leporello vistosamente imbarazzato, che minaccia vendetta nelle scene successive.

 Una buffonata? Assolutamente no. Gli attori  sono bravissimi e fanno tutto. Intendiamoci. Ci sono violenze, stupri, fughe, ma non ho mai pensato che fosse scontato né volgare. Lo spettacolo è percorso interamente da un senso di fine incombente, e al termine si tinge di sfumature dark, di cui la vivacità dei colori è una proiezione distorta. Lo sguardo concentrato di Timi riesce a tagliare l’aria. Ho passato bene lo spettacolo (2 ore e quaranta) perché gli espedienti mi tenevano sulle spine, tutto era curato e avevo la sensazione di assistere a qualcosa di istrionico. E un po’ porno.

Articolo di: Alice Palombarani

Scritto e pubblicato il: 09.03.2015


IL DON GIOVANNI

di e con Filippo Timi

dal 3 al 15 marzo 2015

e con (in ordine di apparizione)
Umberto Petranca, Alexandre Styker
Lucia Mascino, Matteo De Blasio
Elena Lietti, Fulvio Accogli, Marina Rocco
Roberto Laureri

regia e scena Filippo Timi
luci Gigi Saccomandi
costumi Fabio Zambernardi in collaborazione con Lawrence Steele
regista assistente Fabio Cherstich
La scena è stata realizzata presso il Laboratorio del Teatro Franco Parenti

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Site Footer